Carne Skarakara – kebapczeta – kjufteta

Il modo più popolare e gustoso di cucinare la carne in Bulgaria è grigliarla, chiamato "skara”. Quindi “grill” è in ciascuno, anche il ristorante più piccolo. Ovviamente, nei locali di lusso, questi sono dispositivi elettrici, ma qua e là si può ancora incontrare nella cucina del ristorante il campanello nero del cofano appeso sopra la grata, sotto cui brilla il carbone charcoal. Carne con "polli"’ è fragile, succosa, fragrante e completamente privo di grassi superflui. Dalla griglia, di solito proponiamo "shishchetas"” (spiedini), „pirżolo” (braciole), frattaglie di agnello, così come - estremamente popolare in Bulgaria - prodotti a base di carne macinata - "kjufteta” (cotolette minuscole) e „kebapczeta” (tipo di salsicce).

Ammirare il gusto di prodotti scadenti, Certo, molti dei nostri connazionali si sono chiesti, perché la carne macinata ha una così cattiva reputazione con noi?, dal momento che puoi preparare piatti così meravigliosi da esso. Se, invece, la padrona di casa bulgara vedesse, come prepariamo le cotolette o gli hamburger, e lei sarebbe certamente senza parole per l'orrore. Il succoso kebapczeta e kjufteta devono il loro gusto a molte attività complicate.

La prima e più importante regola, che si osserva qui, la carne da macinare sia giusta e proporzionata ad essa. Il più delle volte viene abbinato in parti uguali con agnello e vitello o manzo. Si aggiunge anche (nella più piccola percentuale) Maiale. La carne è lavorata con cura: va macinato almeno due volte e ben preparato con le mani immerse nell'acqua fredda. La massa preparata va anche riposta in frigorifero almeno due volte per alcune o più ore. Solo a tale carne preparata possono essere aggiunte spezie appropriate e modellate in una forma specifica. Così quando, nel ristorante "Trimoncjum" di Plovdiv, il cameriere ci ha messo davanti un piatto caldo con”, non lo sapevamo davvero, quale pezzo delle carni proposte deve essere considerato il più nobile. Quando si tratta di gusto, i minuscoli kebapczeta che si scioglievano in bocca erano buoni come fette di lombo o cubetti di filetto attaccati a”.