PICCOLO "MEZE"

La cucina nazionale bulgara ci convince in modo eloquente, che i suoi creatori hanno padroneggiato l'arte culinaria ad alto livello, che hanno potuto apprezzare appieno non solo la varietà del cibo, ma anche interessanti composizioni di sapori. Uno degli eroi del romanzo di Ljuben Karawełov - Bulgari dei vecchi tempi” - tale è il comando della nuora che prepara "piccolo"” uno spuntino ("Meze"”) per una chat sociale:

“Versa la migliore rakia nel crogiolo lì, mescolalo con il miele, ma lascia un po 'più di miele, e mettilo a fuoco, così, Sai, scaldala un po'. Dillo a mamma lì, che mi avrebbe dato un cavolo, e cospargetela di peperoncino rosso, ma ce l'hai, in modo che non ci siano troppi peperoni… Portate dei fichi e dell'uva secca. Inoltre, cuocere del fegato di agnello e tagliare le cipolle, ma tu capisci, in modo che sia tagliato molto sottile…”

Così, solo un buongustaio esigente potrebbe parlare in questo modo, applicando il principio Brillat-Savarina nella sua vita, chi ha parlato, che “la conoscenza gastronomica è essenziale per tutte le persone, poiché è lei che cerca di aumentare la somma dei piaceri loro assegnati”.