Perché piangi per la cipolla??

Perché piangi per la cipolla??

Tagliate felicemente le cipolle per cena, quando BAM! I tuoi occhi pizzicano, e le lacrime scendono sul tuo viso. Forse il bruciore è così forte, che devi fare un passo indietro! Perché a volte la cipolla è un ortaggio così sgradevole?? Bene, in realtà si tratta di un'affascinante biochimica. Prima che fosse nella tua cucina, le cipolle producevano felicemente cibo dal sole e assorbivano minerali dal suolo. Si scopre, che le cipolle sono particolarmente brave ad assorbire lo zolfo, che utilizza in molti amminoacidi. Quando tagli la cipolla, apri cella per cella, rilasciando il loro contenuto liquido. Enzimi precedentemente separati incontrano amminoacidi ricchi di zolfo e formano acidi solfenici instabili, che poi si trasforma in una sostanza chimica nota come syn-propanetial-S-ossido. Questa sostanza chimica insidiosa è volatile, che significa, che evapora facilmente e provoca una sensazione di bruciore, quando si alza dal tagliere ed entra in contatto con i bulbi oculari. Cercando di proteggere i tuoi preziosi occhi dai danni, il cervello rilascia rapidamente una lacrima, per stanare l'irritante. Rimani con gli occhi rossi e le guance macchiate di lacrime al centro della cucina, evidente vittima di qualche tipo (sorprendente) guerra botanica.

Allora cosa si può fare, per ridurre tutto questo dramma della chimica della cipolla? Alcune varietà di cipolle, cipolle particolarmente dolci, sono meno solforici di altri e quindi meno inclini alla lacrimazione. Puoi anche congelare o raffreddare la cipolla, prima di tagliarlo; questo rallenta gli enzimi responsabili di una serie di sfortunati eventi chimici. Altri trucchi – come accendere un fiammifero, mangiare il pane mentre si taglia o si respira con la bocca – sono molto meno efficaci (se lo sono affatto), ma la disperazione è la madre dell'invenzione (o qualcosa di simile), verità? Provali, se devi.